Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Il rogo di Berlino, Helga Schneider

Editore:Adelphi Collana:Gli Adelphi Edizione:9 Anno edizione:1998 Formato:Tascabile Pagine:229 p.
Quando mi sono approcciato alla lettura de "Il rogo di Berlino" avevo sensazioni ed aspettative molto alte perchè, a discapito della qualità o meno del testo, ho da sempre un debole per il periodo storico trattato: la seconda guerra mondiale, questa volta affrontato da un diverso punto di vista. Andiamo a scoprire cosa ci riserva questo libro.
La scrittrice, Helga Schneider, ci racconta una parte della sua infanzia, quindi salta subito all'occhio che gli avvenimenti citati sono una piccola autobiografia. E che cosa la rende così interessante? Presto detto: Helga è una tedesca di Berlino e durante il 2° conflitto mondiale era una bambina di 6/7 anni. Il focus è incentrato sull'ultima parte della contesa sul fronte europeo: la presa di Berlino e la conseguente caduta della Germania nazista. Il tutto visto dagli occhi di un innocente fanciulla.

Oltre al peso della guerra coadiuvato…

Ultimi post

Luce d'estate, Jòn Kalman Stefànsson

La tua presenza è come una città

Rughe, storie di malattia e solitudine

Recensione: 4321, Paul Auster

Le letture di Ottobre

Paul Auster e il suo 4321

Origin di Dan Brown

Recensione - Augustus -

Otto mesi a ghazzah street

Wrap up agosto 2017